domenica 15 maggio 2011

Penne-Folgore Sambuceto 2-0

Basta mezz'ora ad un Penne brillante e concentrato per archiviare definitivamente i giochi al cospetto di una Folgore Sambuceto già battuta a domicilio sette giorni prima.
Una punizione di Campagna in apertura ed il raddoppio del solito Colicchia, bravo a sfruttare uno strafalcione clamoroso dell'estremo difensore Bozzelli, spianano la strada ai biancorossi al cospetto di un avversario che se non aveva convinto la settimana precedente oggi è riuscito a fare addirittura peggio.
Vero che i viola scesi in campo con propositi di rimonta sono rimasti freddati dall'improvviso vantaggio dei biancorossi, vero anche però che la squadra di Castellano è stata incapace nell'arco dei novanta minuti di creare azioni da gol importanti dalle parti di De Mare, spettatore di un match che il Penne ha gestito con tranquillità e che nella seconda frazione ha sfiorato a più riprese il tris.
Un successo quello dei biancorossi che legittima un doppio confronto senza storie, con la Folgore probabilmente arrivata spompata al rush finale ed un Penne che invece con tanti giovani in campo continua a convincere mostrando una condizione atletica invidiabile che fa ben sperare in vista della finale che domenica li vedrà opposti alla corazzata Vasto Marina che ha avuto il suo bel da fare contro il San Salvo per conquistarsi la finalissima.

Mister Di Pietro non può contare per l'occasione sull'infortunato Rocchio e così lancia in campo dal primo minuto il giovanissimo Manuel Delli Castelli (1994), in compenso ritrova dal primo minuto l'esterno Nobilio che forma il trio d'attacco insieme a Colicchia e Di Teodoro; Di Fabio, ancora non al top della forma parte dalla panchina.
Sul fronte opposto Castellano rivoluzione in parte la squadra dopo la delusione dell'andata: fuori Di Sante, Cocco e Cucullo, dentro Capitanio, Carconi e Trapani con Sablone che torna ad affiancare Carota al centro della difesa e Faraonio spostato a sinistra, con D'Alonzo avanzato sulla linea degli attaccanti in un reparto completato da Di Nardo e Mucci.

Nemmeno il tempo di ragionale che il Penne sblocca il risultato, protagonista l'ex di turno Pasquale Campagna che dopo soli due giri di lancette sfodera un bolide su punizione che batte sulla parte interna del palo e si infila alle spalle di un incolpevole Bozzelli.
La rete del vantaggio pennese è un vero e proprio macigno sulle spalle di una Folgore costretta già a rincorrere.
Gli uomini di Castellano provano a spingere ed al 10' avrebbero anche l'occasione di pareggiare quando Di Nardo addomestica un buon pallone in area e scarica per l'accorrente Trapani la cui conclusione da buona posizione termina a lato; sarà l'unica occasione "vera" creata dai viola nell'arco dei novanta minuti di gara.
Scampato il pericolo il Penne riprende ad attaccare ed al 12' ci prova Colicchia in area con una girata in bello stile bloccata dall'estremo ospite in tuffo. Al 19' è invece il turno di Di Teodoro che ruba palla sulla trequarti, punta la porta ma la sua conclusione risulta debole e centrale.
La pressione continua degli uomini di Di Pietro è premiata al 30' grazie alla collaborazione di Bozzelli che sbaglia clamorosamente il controllo su appoggio di un compagno di squadra, Colicchia è bravo a crederci tanto da soffiargli il pallone e depositare nella porta sguarnita la palla del raddoppio.
Ora non c'è più partita, i viola devono segnare quattro reti per capovolgere il risultato contro un avversario che ormai gioca sulle ali dell'entusiasmo e che prova la rete ad effetto al 36' quando Colicchia anticipa a centrocampo un incerto Stella e vede Bozzelli fuori dai pali tentando la conclusione dalla linea di centrocampo con palla che sfila a lato.
Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia; al 2' Campagna sfiora la doppietta personale ancora su punizione con sfera a lato non di molto, al 6' è invece un doppio salvataggio dei viola davanti alla linea di porta a negare la gioia del gol a Colicchia prima, Di Teodoro poi, con palle che torna di nuovo sui piedi di Colicchia che da due passi manda alto.
La Folgore prova a reagire ma manca di lucidità in fase offensiva e neppure gli ingressi dei veloci Cocco e Patrizio riescono a dare profondità ad una squadra ormai scoraggiata e nervosa, tanto che al 21' Sablone colpisce un giocatore avversario a palla lontana e, su segnalazione del guardalinee, si becce il rosso diretto.
La gara scivola via ora senza particolari sussulti, con la Folgore che non riesce a centrare la porta neppure su calcio piazzato, mentre il Penne sfiora ancora una volta il tris grazie al perfetto stacco di testa di Di Fabio sugli sviluppi di un corner al 34' con palle che termina a lato di un nulla.
Un bel diagonale di Patrizio in chiusura costituisce l'unico sussulto del secondo tempo per gli ospiti che nel finale rimangono addirittura in nove per l'espulsione di Capitanio questa volta per somma di ammonizioni.
Il Penne, che nel secondo tempo schiera due '94 in campo, controlla senza affanni ed al triplice fischio festeggia la qualificazione alla finalissima di domenica contro il Vasto Marina; l'impressione è che questa squadra, giovane, brillante ed autoritaria, può dare fastidio a chiunque.
La Folgore invece dice addio mestamente ai propri sogni di gloria al termine di 180 minuti gestiti male, contro un avversario che si è dimostrato decisamente superiore.

PENNE-FOLGORE SAMBUCETO 2-0 (2-0)

PENNE: De Mare, Cretarola (25'st Melito), Di Simone, Silvaggi, Campagna, Di Febo, Nobilio (20'st Di Fabio), Delli Castelli, Di Teodoro (18'st Granchelli), Colicchia, Centofanti. A disposizione: D'Angelo, Alluviani, Casalena, Di Donato. Allenatore: Di Pietro

FOLGORE SAMBUCETO: Bozzelli, Faraonio (12'st Fornaro), Capitanio, Carconi, Sablone, Carota, D'Alonzo, Trapani, Mucci, Di Nardo (3'st Cocco), Stella (16'st Patrizio). A disposizione: Chiavaroli, Di Sante, Cucullo, Boukhatem. Allenatore: Castellano

Arbitro: Scatena di Avezzano

Reti: 2'pt Campagna, 30'pt Colicchia

Ammoniti: Di Nardo, Sablone, Capitanio,Trapani (Folgore Sambuceto), Silvaggi, Delli Castelli, Di Fabio (Penne)

Espulsi: al 21'st Sablone (Folgore Sambuceto) per condotta scorretta; al 45'st Capitanio (Folgore Sambuceto) per somma di ammonizioni.